AlphaStrip III HPV

AlphaStrip-3

Target
Il papillomavirus umano (HPV) é l’agente eziologico del cancro alla cervice uterina (CIN). La maggior parte (70-90%) delle infezioni da papillomavirus è transitoria, perché il virus viene eliminato dal sistema immunitario prima di sviluppare un effetto patogeno. La persistenza dell’infezione virale è invece la condizione necessaria per l’evoluzione verso il carcinoma. La probabilità di progressione delle lesioni è correlata anche ad altri fattori, come l’elevato numero di partner sessuali, il fumo di sigaretta e la co-infezione con altre infezioni sessualmente trasmesse. Anche fattori genetici possono contribuire allo sviluppo del cancro cervicale, come mutazioni in p53 e nel gene Rb (Retinoblastoma).

Tecnologia
AlphaStrip III HPV, per uso in vitro, può determinare 26 papillomavirus: 16, 18, 31, 33, 35, 39, 45, 51, 52, 56, 58, 59, 68, 73, 82, 26, 53, 66 (tipi ad Alto rischio), and 6, 11, 40, 42, 43, 61, 69, 70 (tipi a Basso/Medio rischio).
Il protocollo prevede l’amplificazione del DNA virale mediante una singola reazione di PCR; l’amplificazione del DNA genomico permette di verificare l’efficienza della fase di estrazione.
Il sistema AlphaStrip (Reverse dot/blot) si basa sul principio della ibridazione inversa di sonde specifiche adese a strisce di nitrocellulosa con la regione virale amplificata marcata con biotina.

SCARICA LA SCHEDA TECNICA IN PDF